Mag 10 2018

I cavallini di Monterufoli fanno visita ai piccoli pazienti del Dipartimento Materno Infantile grazie al Reparto Carabinieri Biodiversità di Siena: è la prima volta in un ospedale toscano

Mantello morello, vivaci, docili, trotto veloce e portamento elegante. Sono i cavallini di Monterufoli, provenienti dalla Maremma Toscana e dalla storia antica che, grazie all’Arma dei Carabinieri, reparto Biodiversità di Siena, hanno portato allegria, entusiasmo e regalato una giornata speciale ai piccoli pazienti del Dipartimento Materno-Infantile del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena. «È la prima volta che organizziamo un evento simile in Toscana – spiega il tenente colonnello Carlo Saveri, comandante del Reparto Carabinieri Biodiversità di Siena – e abbiamo già collaborato con il Policlinico Umberto 1 e con l’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma. Il nostro obiettivo è quello di portare un sorriso ai bambini ricoverati facendo conoscere questi splendidi e generosi cavallini, sia attraverso il ‘battesimo della sella’, con un piccolo giro sul cavallo per i bambini che possono spostarsi, sia portando il cavallino in reparto, per venire incontro alle esigenze dei piccoli pazienti che non possono uscire”. I cavallini provengono dalla Riserva Naturale Statale di Cornocchia, a Radicondoli, dove vivono in libertà e in mezzo alla natura, e appartengono all’ex Corpo Forestale dello Stato, oggi assorbito nell’Arma dei Carabinieri, curati amorevolmente dal reparto Biodiversità. “Un sincero ringraziamento all’Arma dei Carabinieri – afferma il direttore generale dell’Aou Senese, Valtere Giovannini – per questa iniziativa originale e molto apprezzata dai bambini, sperando che si possa ripetere nel tempo. Aver avuto il piacere di accarezzare o salire sui cavallini, che hanno una forte componente affettiva ed empatica, legata anche alla loro estrema docilità, è stata un’esperienza a forte impatto emotivo positivo per i nostri piccoli pazienti che hanno quasi dimenticato, per alcune ore, di essere in ospedale”. I carabinieri hanno inoltre regalato ai piccoli pazienti gadget personalizzati come ricordo della giornata. All’evento hanno partecipato anche i colleghi del Comando Provinciale di Siena e tutti i professionisti del Dipartimento Materno-Infantile.